VALUTATORE D’IMPATTO

VALUTATORE D’IMPATTO

GRATUITO

data:

---

sede:

durata:

Che cosa significa essere un valutatore d’impatto?

Questa figura è un punto chiave nelle imprese in quanto si occupa di raccogliere e analizzare i dati riguardanti le attività attuate a beneficio di persone, ambiente, territori e comunità con particolare focus sulla sostenibilità, trasparenza e responsabilità.

Il suo ruolo è importantissimo per l’impatto che ha nel mondo del lavoro e non solo, dove le direttive a favore di persone e ambiente svolgono un ruolo sempre maggiore. Ecco perchè la Regione Emilia-Romagna ha deciso di finanziare un corso GRATUITO dedicato alla formazione delle competenze necessarie per svolgere questa mansione sempre più richiesta.

Continua a scorrere la pagina per scoprire i contenuti del corso e il calendario!

 

obiettivi

Progettare il disegno valutativo, analizzando il contesto aziendale interno (capitali) e il contesto esterno in cui agisce l’impresa, definendo il campo di analisi con specifiche finalità di misurazione degli impatti in funzione degli obiettivi e risultati attesi (cambiamento); definire l’architettura del processo valutativo in coerenza con le linee guida internazionali sulla valutazione (es. DAC) e la redazione dei disegni valutativi e previsionali; identificare quali attori siano destinatari del valore generato dall’impresa (stakeholder) e le risorse tangibili e intangibili che possono generare valore da parte dell’impresa a livello micro, meso e meta; realizzare la mappatura dei principali processi organizzativi ai vari livelli, dei loro responsabili e delle relazioni attivate con gli stakeholder in ogni fase del processo di creazione del valore; costruire, in collaborazione con i diversi responsabili dei processi aziendali, sistemi di misurazione quali-quantitativa dell’impiego e dei benefici dei capitali usati dall’impresa in relazione alla finalità organizzativa prefissata (anche selezionando tra standard e metodologie di misurazione e valutazione esistenti e accreditate, previo adattamento al contesto); individuare la tipologia di dati e informazioni necessaria a misurare il valore generato dall'impresa o dal progetto, in coerenza con il sistema di valutazione d’impatto prescelto; effettuare la valutazione di output (performance), outcome e impatto (cambiamento) in collaborazione con i diversi responsabili dei processi aziendali, per argomentare gli effetti diretti e indiretti di un progetto e/o di un’attività di impresa nelle diverse dimensioni ambientale (E), sociale (S) e dei sistemi di governo (G); contribuire a redigere il Report di Valutazione dell’impatto e a definire la strategia comunicativa dell’impatto generato agli stakeholder.


contenuti

  • Cosa vuol dire valutare e i livelli di valutazione
  • Le principali metodologie di misurazione e valutazione di impatto a confronto: i vari standard e framework e le loro diverse finalità
  • La cassetta degli attrezzi del valutatore
  • Bilancio Sociale e la valutazione di impatto sociale prevista dalle Linee Guida ministeriali per il Terzo settore
  • Il principio del Valore nella prospettiva dell’Economia civile
  • Stakeholder e materialità
  • Il processo di comunicazione del valore dell’impatto generato agli stakeholder
  • Agenda ONU 2030 e SDGs

 

Descrizione del profilo professionale:

Il Valutatore d’Impatto è quella figura professionale che opera all’interno dell’azienda, dipendente o consulente che sia, per raccogliere e analizzare i dati che derivano dall’impegno della società a perseguire “una o più finalità di beneficio comune e opera in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni ed attività culturali e sociali, enti e associazioni ed altri portatori di interesse”. Effettua, in collaborazione con il management, le scelte adeguate ad un’efficace misurazione dell’impatto annuale. Si confronta e collabora con i responsabili d’area (CFO, Innovation Manager, MKTG, Produzione…).

 

 


destinatari

Il corso verrà avviato solo al raggiungimento di almeno 8 partecipanti aventi i requisiti formali e sostanziali richiesti. Requisiti formali: al percorso potranno accedere giovani e adulti occupati o disoccupati, residenti o domiciliati in Emilia-Romagna, che abbiano assolto all’obbligo di istruzione e il diritto-dovere all’istruzione e formazione. Non potranno essere destinatari i dipendenti pubblici a tempo indeterminato. Requisiti sostanziali: a) buona conoscenza e comprensione (orale e scritta) della lingua italiana; b) possesso una competenza di base sui temi oggetti del progetto formativo



condividi sui social

edizioni

contattaci per maggiori informazioni


    DICCI CHI SEI

    PrivatoAzienda